I RUSTEGHI GOLDONI TESTO PDF

Maurizio giunge proprio in quel momento e parla del prossimo matrimonio a Lunardo, dicendogli che suo figlio Felippetto vorrebbe vedere la figlia prima, il che viene fermamente negato da Lunardo. La zia si stupisce di questo divieto imposto al nipote, che viene fatto andar via dal marito di Marina, Simon , il terzo rustego che fa la sua apparizione. Dopo un breve diverbio fra Marina e suo marito, a casa loro arrivano Felicia, suo marito Canciano il quarto e ultimo rustego, sottomesso alla moglie , ed il conte Riccardo, amico di Felicia. Simon manda ancora tutti a casa in malo modo. Atto secondo[ modifica modifica wikitesto ] Anche il secondo atto si apre con Margarita e Lucietta.

Author:Taulrajas Murg
Country:Anguilla
Language:English (Spanish)
Genre:Finance
Published (Last):24 February 2004
Pages:322
PDF File Size:4.72 Mb
ePub File Size:4.36 Mb
ISBN:295-9-71469-403-9
Downloads:43956
Price:Free* [*Free Regsitration Required]
Uploader:Mauzahn



Cossa vorli qua? Felice - Oh, sior Simon, la reverisso. Simon - A Felice Patrona. A Marina Ah? Felice - Semo vegnui a farve una visita. Simon - A chi? Felice - A vu. Riccardo - A Marina Umilissima riverenza. Simon - Ironico al Conte Patron. Marina - Fa la riverenza al Conte Serva sua. Canciano - Cossa voleu che fazza? Simon - Puffeta ! Me despiase che a disnar con nu ancuo no la podemo menar. Canciano - Ma mi ve digo Lucietta - Brava, siora madre.

Margarita - Cossa voleu, cara fia? Se vien sta zente ancuo, voleu che staga, figurarse, co fa una massera? Lucietta - E mi che figura vorla che fazza? Co no son amalada, stago ben.

Margarita - Mi no so cossa dir, cara fia. Con elo no se pol parlar. Se ghe digo de farve qualcossa, el me salta ai occhi. Lucietta - Mortificata Eh lo so, lo so, che no son so fia. Margarita - Cossa vorressi dir?

No ve voggio ben fursi 4? Lucietta - Eh za! Cossa voressi? Lucietta - Mi no digo un abito; ma qualcossa almanco. Son zovene, e no son mo gnanca una pitocca; me par che qualche bagatela no la me desdiga Voleu una colana de perle? Lucietta - Magari. Margarita - Adesso ve la vago a tor. La dise che mio sior padre no vol.

Credo che la sia ela mi, che no voggia. Ma per mi, poverazza, no se ghe pensa. In casa ghe fazzo fastidio. Lucietta - Cara ela, la lassa veder. Un per de cascate de cambrada, che no le ho doperae quatro volte? Margarita - Che cara siora! Ve voressi meter co mi? Lucietta - Accomodandosi le cascate Certo!

La fa assae per mi. Lucietta - Come sopra Cara ela, che no la se struppia. Lucietta - Mo via, no la me staga a strascinar, che no son miga una bestia. Lucietta - Via mo, cara ela. Margarita - Mata inspiritada che son, a deventar mata co sta frascona.

Lucietta - Piange, e si asciuga col fazzoletto. Le vuol mettere la collana Lucietta - La lassa veder. Margarita - Trovereu da dir anca in questo? Margarita - Allacciando la collana Cossa diseu? Lucietta - Gnente. Lucietta - Si trova una perla rotta in seno La varda: una perla rota.

Cossa importa? Margarita - Deboto me faressi dir Lucietta - De diana! Sempre la cria. Lucietta - Staghio ben? Margarita - Pulito, ve digo, pulito.

Tira fuori di tasca uno specchietto. Margarita - Se vostro sior padre ve lo vede! Lucietta - Via, no la ghe lo staga a dir. Lucietta - Sia malignazo! Mette via lo specchio. Andeu al festin? Aveu paura, figurarse, che ve manda in malora? Grazie al cielo, no son de quei omeni che patissa la spienza Cento ducati li posso spender. Ma no in ste buffonarie; cossa voleu che diga quei galantomeni che vien da mi?

Co una scarpa e un zoccolo? Lunardo - A Lucietta Senti, sa, no tor esempio da ela Lucietta - Eh gnente, sior padre. Lucietta - Via, caro elo, semo de carneval.

No voggio sti putelezzi. Cascate, patrona? Lunardo - A Margarita Dona mata! Lunardo - Le maridae ha da dar bon esempio a le pute. Lucietta - E mi, sior padre, vegniroggio a tola? Mi son ubidiente. La varda che roba: gnanca vergogna che me le meta.

Si cava le perle e cascate. Lunardo - Vedeu? Eh, la mia prima muggier, povereta! Quela giera una donna de sesto Margarita - Mi, mi ho fato un bon negozio a tor un satiro per mario.

Lunardo - Povera grama! Ve manca el vostro bisogno? Margarita - Certo! Lunardo - Cossa ve manca? Lucietta - Sior padre. Margarita - A Lucietta Eh, mozzina! Se cognossemo. Lucietta - A Margarita Mi, siora? Lucietta - A Lunardo La dise delle busie Lucietta - A Lunardo De mi no la se pol lamentar. Margarita - A Lunardo E mi Margarita - Diseu dasseno?

LM2904M DATASHEET PDF

I Rusteghi/Personaggi

There is an abundance of autobiographical information on Goldoni, most of which comes from the introductions to his plays and from his Memoirs. Rob75 marked it as to-read Aug 09, Amazon Second Chance Pass it on, trade it in, give it a second life. His plays offered his contemporaries images of themselves, often dramatizing the lives, values, and conflicts of the emerging middle classes. La caratteristica opera di Iacopone.

ISD 8101 PDF

I rusteghi

.

DECRETO IMMEX 2012 PDF

I Rusteghi

.

BIOLOGIA VILLEGO PDF

.

Related Articles